INTERVISTA A THOMAS JORION

GENNAIO 2020

Thomas Jorion

Thomas Jorion è  un fotografo francese con sede a Parigi. Autodidatta, utilizza una telecamera analogica per donare allo spettatore l'emozione e la visione di luoghi e palazzi ormai nascosti dal velo del tempo.  E' proprio l'emozione che lo lo guida nei suoi viaggi e che riporta ogni volta nelle sue fotografie ricche di una storia e di una gloria che possiamo immaginare e sognare e di cui oggi rimane solo un ricordo.

All images © courtesy of Thomas Jorion

Sito Web: http://thomasjorion.com/it/thomas-jorion-3/

  • Instagram
  • Facebook
  • Twitter Icon sociale
Serpentino, Lombardie, 2016.jpg

Quando è iniziata la tua carriera e come ti sei avvicinato alla fotografia?

Ho iniziato la mia carriera a 33 anni, anche se ho avuto la mia prima macchina fotografica quando ne avevo 21. Ho studiato legge e ho iniziato a lavorare in giacca e cravatta per alcuni anni prima di entrare in ciò che davvero amavo nella vita. Mi sono avvicinato alla fotografia per passione. Ma soprattutto ho continuato a fotografare quello che ho sempre fotografato: rovine. Quando ho ricevuto la mia prima macchina fotografica a 21 anni, è quello che facevo subito. Alla fine, ho solo reso la mia passione una professione.

 

 

Come scegli i luoghi da fotografare, mentre viaggi, ad esempio, o in altro modo? Puoi parlarne? Come procedi nel tuo lavoro anche per quanto riguarda la ricerca di informazioni e autorizzazioni varie?

Scelgo i luoghi che fotografo in base all'emozione che mi provocano. Si crea un qualcosa di simile ad una relazione. Devo fare delle foto prima di andare in un altro posto. Di solito se non ci sono emozioni, non c'è foto. Per la ricerca, in generale, cerco di trovare un minimo di posti prima della mia partenza per definire un circuito. Poi quando sono in campo controllo altri posti. Faccio domande alle persone che incontro. A volte chiedo autorizzazioni, ma abbastanza raramente perché i luoghi che fotografo sono generalmente aperti.

Vedetta, Ligurie, 2018.jpg
Notturno, Pouilles, 2018.jpg

I tuoi scatti fanno riflettere. Lo spettatore vede una gloria e una storia di cui rimangono solo le macerie ma tu cosa vedi in questi posti?

Vedo una nuova bellezza nelle cose che hanno vissuto. Mi sento colpito dagli oggetti con una storia. Una tazza rotta e consumata dal tempo vale per me più di una tazza nuova prodotta in serie. A volte vedo anche la vanità dell'uomo che dedica molte energie alla costruzione di imperi che alla fine sono solo castelli di carte.

 

Puoi parlarci della serie made in Italy?

 

Sono sempre stato attratto dall'Italia. È un paese dove mi sento bene, dove mi sento libero. Mi piace tutto, la cultura, i paesaggi, la storia, le persone. Il mio unico rimpianto è di non aver imparato la sua lingua. Questa serie su palazzi e ville è in gran parte una scusa per venire spesso in Italia. Più seriamente, avevo fotografato dei palazzi nel 2009, ma è stato durante un soggiorno nel 2016 che ho capito che dovevo produrre una serie sull'argomento in quanto così densa e varia. Sono molto contento del risultato.

 

 

In una delle tue interviste ho letto che non è l'idea delle macerie o dell'abbandono quello a te interessa ma soprattutto l'idea di rappresentare la patina del tempo. Quanto la storia influenza la scelta del luogo da rappresentare?

Come ho detto, la storia in Italia è ovunque. È quindi facile ritrovare la patina del tempo. A volte viene persino mantenuto o addirittura creato artificialmente. Anche questo è un argomento che mi interessa approfondire. Ma per rispondere alla tua domanda, per me è l'emozione che conta di più piuttosto che una storia specifica da raccontare perché in Italia la storia è ovunque.

 

La scelta stilistica è davvero interessante, l'uso dell'analogico e delle luci naturali, quasi come una sorta di uso documentario. Puoi parlarci di questa scelta?

Prendo tutte le mie foto e realizzo una serie con questa fotocamera (grande formato) e film. Ci sono diverse ragioni per questo. Prima di tutto mi piacciono le proporzioni dell'immagine. Non è un quadrato, non è un rettangolo, è in mezzo. Poi c'è la velocità molto bassa per preparare e scattare un'immagine. Devi prenderti il tempo e pensarci. Non fotografare e affidarsi alla post produzione. Mi piace anche l'imperfezione del negativo che a volte dà risultati indesiderati. All'inizio ne fui molto infastidito. Ora ci vedo qualcosa di umano poiché è imperfetto. Infine per la luce naturale, credo sia la migliore perché fa parte del luogo. Fa parte della comprensione dello spazio. Devi capirlo e giocarci.

Armatori, Ligurie, 2018.jpg
Pappagallo, Toscane, 2018.jpg

In una mostra ideale quale sarebbe la colonna sonora che accompagnerebbe i visitatori nell'esposizione?

 

Penso che mi piacerebbe un po 'di jazz. Un po 'di jazz misterioso, un po' ovattato. Penso che sia una grande musica con cui vestire e riempire uno spazio piuttosto vuoto con pareti bianche.

 

Quale pensi possa essere l'evoluzione della tua fotografia, dove pensi che ti porterà? Prossimi progetti?

L'evoluzione della mia foto oggi va un po' verso il ritratto e riparte anche verso l'introspezione. Ma non so ancora cosa verrà fuori da tutto questo. A volte mi spaventa un po', ma l'ispirazione richiede tempo.