INTERVISTA A NIR ARIELI

NOVEMBRE 2021

Nir Arieli

Nir Arieli inizia la sua carriera come fotografo militare in Israele; già dagli esordi è possibile leggere la sua grande capacità di esplorare nei ritratti la sensibilità dei soggetti.

Nelle sue ricerche attuali concentra la sua sperimentazione artistica nel lavoro con i ballerini coi quali riesce a creare un incredibile scambio artistico.

Di fronte agli scatti l'osservatore rimane affascinato dal momento di intimità che svela la storia dei ballerini ritratti coi loro sentimenti ed emozioni. 

All images © courtesy of Nir Arieli

Sito web: https://nirarieli.com

  • Instagram
nirarieli-bw.jpg

  Nella tua biografia si pone l'accento sui tuoi inizi come fotografo militare in Israele. Come è avvenuta l'evoluzione verso la tua nuova fase artistica? Ci sono degli elementi che trovi in comune fra le due fasi? 

 

  Mi sono sentito fortunato a poter fare qualcosa di creativo come la fotografia durante il mio servizio, ha davvero cambiato la mia vita. Sono stato mandato a fare sia documentari che ritratti. È allora che ho imparato che non sono un fotoreporter ma più un regista, mi piace mettere in scena e interagire direttamente con il mio soggetto. Presumibilmente, il mio lavoro ora è completamente diverso. Riguarda le idee che mi interessano, le persone che scelgo e temi come la danza, che è lontana un milione di miglia dal panorama militare. Tuttavia, quando ero nell'esercito fotografavo molti giovani in uniforme che erano occupati a far riflettere la loro mascolinità e a camuffare bene la loro volubilità, che è considerata non necessaria in un ambiente del genere. Ho sempre avuto una capacità nel trovare quella gentilezza e sensibilità nascoste nei soldati che ho fotografato, che è qualcosa che faccio nel mio lavoro attuale.

 

  Hai qualche lavoro a cui sei particolarmente affezionato? Qualcuno che ti piacerebbe riprendere per una nuova evoluzione, ad esempio?

 

Di solito non ho quella sensazione di voler tornare ai vecchi lavori. Quando sto terminando un progetto, è un momento molto emozionante e di solito sono in pace con esso. È un "segno di spunta" per me e sto incanalando le mie energie per fare qualcosa che non ho mai fatto prima. Ogni progetto è un piccolo pezzo in un saggio visivo più grande che sto creando, raccontando la storia dei ballerini in particolare e talvolta il mondo dei ballerini in generale. Spero che un giorno le persone possano guardare questo corpus di lavori e vedere come un progetto si è evoluto in un altro, come ognuno di loro è un pezzo di un puzzle più grande, e che imparino qualcosa e condividano il mio fascino per le materie con cui sto lavorando.

Non ho un lavoro a cui sono affezionato più di altri.

03_Inframen.jpg

Inframen, Kyle Scheurich 

10_Tension.jpg

Tension, Ryan Redmond

  Nella serie Inframen l'obiettivo fotografico riesce a rivelare l'anima intima dei soggetti ritratti, svelandone anche la fragilità. Ho trovato lo scatto dedicato a Kyle Scheurich incredibile, in particolare, puoi raccontarci qualcosa di questa serie? Come procedi nella scelta dei soggetti per i tuoi lavori? 

 

  La lavorazione a infrarossi/ultravioletti porta in superficie tutto ciò che è in una tonalità calda, quindi tutto ciò che è sotto la nostra pelle esce improvvisamente. Cicatrici, smagliature e danni del sole stanno diventando più scuri e più visibili. Questo non è un "look" lusinghiero, ma con i ballerini, che sono in ottima forma fisica e poco più che ventenni, crea un contrasto complesso e forze in lotta. Il corpo è lo strumento del danzatore, è bello ma anche maltrattato e spesso ferito. È affascinante guardarlo con questa luce. Sembra anche creare un nuovo tipo di intimità del ritratto, spogliando qualcuno non solo dai suoi vestiti, ma anche dalla sua pelle.

Invito al processo ballerini che penso abbiano la capacità di eseguire una vasta gamma di idee ed emozioni. Amo i ballerini che sembrano unici e sono fisicamente intelligenti. Spesso lavoro con studenti della Juilliard School che sono sempre intelligenti e talentuosi.

 

 

  Cosa ti ispira di più? Quali artisti hanno particolarmente segnato la tua crescita?

 

 Mi piace pensare che la mia principale ispirazione venga dalla danza. Per fare alcuni nomi, amo le coreografe contemporanee e potenti come Sharon Eyal, Crystal Pite e Aszure Barton. Per quanto riguarda la fotografia, amo il lavoro di Adi Ness, Michal Chelbin e Asaf Einy.

04_DanceA.jpg

Cedar Lake contemporary ballet

08_Flocks_PontusLidberg.jpg

Flocks, Pontus Lidberg dance

  In una tua intervista hai sottolineato il tuo forte interesse e apprezzamento nel lavorare con i ballerini che sono essi stessi artisti. Credi che questa interazione ti abbia offerto fonte di ispirazione?

 

  Il motivo per cui amo così tanto lavorare con i ballerini è che sono artisti stessi e sono molto collaborativi nel processo. Lo capiscono e basta. Penso anche che vivano una vita molto insolita e quindi ci sono molte complessità e strati in loro, e forse è per questo che non mi annoio e continuo a creare progetti che hanno a che fare con loro e con la danza come mezzo. La loro etica del lavoro è estremamente alta, amano le sfide e trattano la telecamera come un pubblico. Quindi sento che, nella loro testa, vedono tutte le persone che vedranno il lavoro, e danno la migliore performance, perché sanno che questo momento è congelato nel tempo ora e hanno solo una possibilità. Penso che i ballerini siano assuefatti all'atto della performance, e a volte vengano osservati. C'è una certa catarsi che arriva con il sudore e il duro lavoro, ed è bello da guardare e un onore di cui far parte. Questo mi ispira, ma più di questo mi affascina e lo rispetto.

 

  Puoi raccontarci dell'ispirazione dietro la serie Flocks? 

 

  Tutto è iniziato con una conversazione con mio cugino ballerino, Tal. Mi ha detto qualcosa che ha detto uno dei suoi insegnanti - "Un ballerino è sempre nell'ING", l'ho trovato abbastanza accurato e interessante, e ho iniziato a pensare a un progetto che indagasse su cosa succede dopo che il movimento è finito, e quando il corpo del ballerino è a riposo. Ma volevo anche spostare la mia attenzione dalla creazione di un'immagine intima in un ambiente individuale all'osservazione dell'intimità creata tra un grande gruppo di individui, e le compagnie di danza erano il luogo naturale in cui andare. La compagnia è un ambiente molto intimo e intenso. I ballerini creano, praticano, si esibiscono e viaggiano insieme. In questo ambito sociale si formano relazioni molto strette e complesse e l'ho trovato affascinante. È la prima volta che lavoro con gruppi così numerosi di danzatori e mi interessava sapere cos'è una compagnia e che tipo di identità si forma un gruppo formato da tanti singoli creativi. Avevo l'immagine nella mia testa di un "mucchio di corpi" per un po' quando un amico ballerino della compagnia di danza Batsheva mi ha contattato mentre ero in visita in Israele e mi ha chiesto se li avrei aiutati a creare un poster per una serata delle coreografie del ballerino . Non ero sicuro che fosse fisicamente possibile farlo senza schiacciarsi a vicenda, ma i ballerini non hanno esitato e sono andati avanti. Ero così felice con l'immagine che sapevo che questo sarebbe stato il mio prossimo progetto. Mi sono reso conto che ogni compagnia avrà un modo completamente diverso di affrontare questo compito ed ero interessato a come quel processo e risultato avrebbero riflesso la voce unica della compagnia.

24_Interior.jpg

Portrait, Paul Zivkovich

05_Tension.jpg

Tension, Ryan Redmond

  In una esposizione dei tuoi lavori accompagneresti le foto con della musica? Quale sarebbe la colonna sonora perfetta?

 

  Non ho mai mostrato i miei lavori con la musica e non ho intenzione di farlo. Infatti, anche quando realizzo le immagini, non c'è musica di sottofondo come molti fotografi amano usare per creare atmosfera. Per me i silenzi, i momenti di imbarazzo e il tempo per pensare sono tutti necessari per essere esposto e valoroso. Non è sempre il più comodo, ma fa sicuramente parte del mio processo.

 

 

  Quanto credi sia cambiato il tuo modo di fotografare rispetto agli inizi della tua carriera? 

 

  Quando ho iniziato la mia carriera, ero interessato ad esplorare diversi tipi di luci e tecniche, sia in fotografia che in post-produzione. C'è qualcosa che mi manca di quel periodo, ed è la leggerezza con cui decidevo di fotografare qualcosa. Tutto era valido e facile. Oggi ci penso 7 volte prima di affrontare un progetto. Mi chiedo se posso dire qualcosa di nuovo, se è almeno buono come quello che ho fatto prima, in che cosa è una progressione, e così via... Faccio meno lavoro ora, e la mia motivazione è meno incentrata sulla tecnica e più sulle persone con cui voglio lavorare.

 

 

  Quali progetti hai per il futuro? Qualche esposizione in programma?

 

  Non ci sono mostre in programma al momento, ma sto partecipando alla realizzazione di un libro antologico di danza che dovrebbe essere pubblicato l'anno prossimo; c'è una piccola collaborazione video che sto facendo con un talentuoso direttore della fotografia e spero anche di fare qualche prova con la crypto art e NFT quest'anno. Mi sono appena iscritto a Twitter per questo e sto imparando cose nuove ogni giorno. Oltre questo, la mia carriera commerciale sta richiedendo una parte significativa del mio tempo e delle mie energie, e alcuni dei clienti e dei progetti che ho lì sono anche creativi e divertenti.