INTERVISTA A MARCELLO CASTELLANI

NOVEMBRE 2020

MARCELLO CASTELLANI

Marcello Castellani è un artista che utilizza diverse tecniche nei propri lavori. La sua ricerca di un percorso evolutivo in continua crescita denota un forte desiderio di non rimanere legati ad un'unica formula. 

Dai suoi inizi con il graphic design ci sono stati anni di ricerca ed evoluzione che ancora oggi stanno attraversando i volti protagonisti dei suoi ritratti in cui sono gli sguardi i veri protagonisti, capaci di attrarre lo spettatore, meravigliarlo e fargli vivere un'emozione ogni volta.

All images © courtesy of Marcello Castellani

SitoWeb: https://www.marcellocastellani.co

  • Facebook Icona sociale
  • Instagram
_MG_6650.jpg

Nei tuoi lavori usi tecniche diverse. Come procedi nell'elaborazione delle tue opere?

 

Di solito inizio sviluppando uno schizzo digitale molto veloce che mi aiuta a capire la forma e la composizione del mio modello su tela. Dopo di che preparo la superficie su cui voglio lavorare, legno o tela e inizio a lavorarci sopra, di solito inizio i miei dipinti dal disegno a carboncino e poi inizio ad aggiungere vernice con sottili veli. Durante tutto questo processo il lavoro assume una personalità propria e inizia una conversazione tra il dipinto e me. E' a questo punto che sento l'entusiasmo nel dipingere che genera un dialogo con il mio lavoro.

 

Perché hai scelto di esprimerti attraverso i ritratti? Come scegli i soggetti da ritrarre?

 

È una domanda ancora senza risposta, perché cambia negli anni, ma trovo che nei ritratti ci siano molte possibilità, pensaci: tutto ciò che sentiamo e non sentiamo si esprime attraverso il nostro viso e anche se c'è e lo vediamo quotidianamente a volte non siamo in grado di vedere chi siamo veramente, quindi è un'esplorazione infinita! Considero alcuni dei miei dipinti come "autoritratti" anche se non mi rifletto direttamente, rimane comunque la complessità di ciò che sto provando. Le persone nei miei quadri sono scelte, il più delle volte, per la loro espressione. In genere cerco sguardi profondi e volti che lasciano lo spettatore in un'atmosfera di incertezza e soddisfazione.

Minerva_oil and beeswax on wood.png
Captura de pantalla 2020-11-08 a la(s) 1

I volti che rappresenti sfuggono a una contestualizzazione e vivono nello spazio quasi fluttuanti. Cosa vuoi esprimere con questa rappresentazione?

 

Quando ho iniziato la mia carriera di pittore, ero così ossessionato dalla ritrattistica che tutto il resto per me era solo uno spazio vuoto, quindi sin dall'inizio ho deciso di concentrarmi solo sull'emozione del ritratto e di non mostrare allo spettatore altri oggetti o temi che li distrassero dalla conversazione con il mio lavoro. Ma ora sono arrivato a un punto in cui penso che questo si evolverà e che inizierò a includere alcuni contesti nei miei dipinti ... vedremo.

 

Rispetto ai tuoi primi lavori, le figure si evolvono in modo diverso, come sta cambiando il tuo modo di rappresentare ed esprimere?

 

Per rispondere a questa domanda devo parlare dei miei inizi con la pittura che sono partiti dal graphic design.

Ho imparato a dipingere attraverso una tavoletta digitale che mi ha permesso, nel tempo libero come grafico in agenzie di pubblicità, di realizzare i miei primi lavori. Ecco perché nelle mie prime opere trovi pezzi molto più influenzati dall'immagine pubblicitaria e dall'arte decorativa. Nonostante siano passati alcuni anni devo dire che sono ancora in questo processo, in questo passaggio, sono alla ricerca di una pittura più personale. Non sono un pittore che ama essere definito solo con una formula, capisco che devo affrontare il cambiamento e so che la mia pittura ne passerà molte di più negli anni, i cambiamenti e le transizioni sono dolorose e confuse, ma portano saggezza e conoscenza al proprio background, io sono in cerca.

 

Cosa ti spinge a creare? Cosa ti ispira? C'è un momento in cui ti senti più creativo?

 

Ci sono molte cose che mi motivano al momento di iniziare un nuovo dipinto.

Ad esempio, dipingere ritratti molto grandi è qualcosa che amo. Affrontare un pezzo di tela più grande di me è qualcosa che mi emoziona.

Oggi trovo ispirazione in immagini molto più personali. Mi ispira anche fare una passeggiata e visitare le gallerie di Berlino, scoprendo nuove forme di espressione e artisti. Per quanto riguarda il tempo per sentirsi creativi, penso che sia una domanda con molte variabili, dipende dal giorno e dal contesto in cui si trova la mia mente, ma generalmente la notte è il momento migliore per creare per me.

Ana.png
Yellow Portrait.png

Quali artisti ti hanno influenzato di più e a chi nel presente senti di essere

più interessato?

 

Quando ho iniziato a dipingere le mie influenze più forti erano Alberto Giacometti e Francis Bacon. Ora ho molti pittori contemporanei che semplicemente mi fanno impazzire, come: Cecily Brown, Jennifer Packer, Nicola Samori, Jenny Saville, Aryz, Gerard Richter, Ruprecht Von Kauffman.

 

Quali sono i tuoi piani per il futuro?

 

È complicato, c'erano alcune mostre in programma quest'anno ma come sapete questa pandemia ha purtroppo portato a termine molti progetti, per ora non ci resta che aspettare che tutto vada meglio per tutti.

 

Captura de pantalla 2020-11-08 a la(s) 1
13133175_953885014731536_739198450344363
Minerva01_wax and oil on board.png