INTERVISTA A MANUEL MARTI MORENO

DICEMBRE 2020

Menuel Marti Moreno

Manuel Marti Moreno è uno scultore di Valencia che utilizza materiali diversi per realizzare sculture di dimensioni considerevoli in cui lo spettatore rimane immerso e catturato dalla visione di corpi e volti che quasi  scompongono, figure che trasmettono la ricerca dell'artista e la sua indagine nei confronti delle domande cardine dell'esistenza dell'essere umano.

All images © courtesy of Manuel Marti Moreno

Sito Web: http://martimoreno.com

  • Blogger Icona sociale
  • Instagram
  • Facebook
IMG-20201027-WA0005.jpg
IMG_20201105_175441.jpg

Ho letto nella tua biografia che hai sempre vissuto in un ambiente artistico, data  carriera da pittore di tuo padre, ma come hai deciso di concentrarti sulla scultura? Qual è stato il tuo percorso artistico?

 

Non so quale sia il mio primo ricordo d'infanzia, ma da quando sono nato sono cresciuto circondato da dipinti e libri, vedendo mio padre dipingere al cavalletto o partecipare a mostre. Quando avevo solo pochi mesi, ho assistito alla mia prima mostra. Tuttavia, ho sempre avuto un'innata tendenza a creare con plastilina o argilla e ho amato giocare con oggetti e figure tridimensionali. Già a scuola ho realizzato piccoli modelli di plastica. Credo che la scultura nasca dalle profondità. Crescendo, ho cambiato idea e mi sono sentito disorientato (lo stesso dell'adolescenza) e ho deciso quale sarebbe stato il mio percorso solo quando finalmente sono entrato all'università, alla Facoltà di Belle Arti di Valencia, dove ho trovato il mio posto all'interno della scultura. Successivamente ho studiato anche a Siviglia e Madrid. Inoltre, ho viaggiato in India ed Ecuador grazie a un progetto di cooperazione umanitaria della Scuola di Belle Arti di Madrid.

Molti sono i critici che prestano molta attenzione al rigore e alla qualità tecnica dei tuoi lavori. Come procedi nella realizzazione delle tue opere?

 

Normalmente ho la visione di un'immagine che mi seduce, mi cattura e alla quale penso da tempo, ce l'ho in testa martellante ... Questa immagine è la materializzazione di un'idea ma non è qualcosa di chiuso e preconcetto, Nasce dal contatto con materiali e dalla lettura di testi. È forgiato nella mente e comincio a lavorarci in modo aperto e disperso, cercando, esplorando. Realizzo piccoli disegni con il computer o disegni su carta e alcuni piccoli modelli. Successivamente lo creo direttamente nella misura finale, oppure creo un modello che verrà ingrandito meccanicamente, se si tratta di una grande scultura. Faccio lo stampo e ci lavoro. Sono davvero tante le lavorazioni consecutive, una creazione artigianale oltre che industriale, manuale e meccanica.

IMG_20201117_115202.jpg
IMG_20201105_175211.jpg

I materiali che usi sono un aspetto molto interessante del tuo lavoro: viti, reti, legno vecchio, lamiere arrugginite o anche terra. Come scegli cosa usare nei tuoi lavori? Come è nato il tuo interesse per questi materiali?

 

Ho lavorato con molte tecniche e materiali, quasi sempre con stampi dove posso sperimentare diversi materiali sulla stessa forma. Amo lavorare il ferro, saldare piccoli elementi che ne riproducono la forma (noci, bacchette), intervallati da altri materiali come tessuti metallici, resine, ma anche sperimentare fusioni di alluminio, ceramica, tessuti, bronzo, plastica, acciaio. inossidabile ... Quasi sempre materiali industriali provenienti da un ambiente artificiale come il nostro. Ogni materiale ha un linguaggio, proprie capacità espressive da utilizzare nella scultura.

 

 

Com'è strutturato il tuo studio? Preferisci lavorare qui sulle tue opere e idee o nascono da stimoli esterni?

 

Ho uno studio abbastanza ampio suddiviso in diverse aree di lavoro a seconda dei materiali e delle tecniche. Sono dipendente dal laboratorio, vado tutti i giorni verso le sette e mezza del mattino. La prima cosa che faccio è leggere: di filosofia, psicologia, credenze religiose, antropologia, storia dell'arte ... è fondamentale per me acquisire nuove conoscenze per svilupparmi come persona e come scultore. Ho bisogno di nutrire il mio spirito, conoscere, espandere e scoprire idee e pensieri di persone e culture molto diverse. Le mie grandi domande fondamentali sono universali: cos'è l'arte? Perché l'essere umano crea oggetti artistici? Cos'è essere umano? ... sono inevitabili per me. Non ho una risposta chiara al riguardo, ma sento l'arte come un'esigenza esistenziale, pulsionale, non come mero design, decorazione o intrattenimento. Credo che l'arte sia la manifestazione della forza più profonda e misteriosa, una necessità esistenziale ineludibile.

 

C'è un forte dualismo nelle tue opere: la rappresentazione di corpi nudi attraverso forme che ne negano i contorni e focalizzano l'attenzione sul vuoto e lo spazio interiore. Allo stesso modo, figure grandi e imponenti trasmettono un senso di leggerezza dettato dal modo in cui sono realizzate. Cosa vuoi esprimere con i tuoi lavori? C'è un messaggio che li collega?

 

La dualità è il fondamento stesso dell'esistenza, l'essere umano si muove tra polarità che si attraggono e si respingono: Eros e Tanathos, amore e odio, materia e vuoto ... Il messaggio è l'opera stessa, la forma e la materia, il contenuto e contenente. Le mie sculture parlano della materia che si dissolve, del vuoto come presenza, della permanenza del nulla, della fragilità dell'esistenza, della natura fugace di ciò che ci circonda, della convivenza indissolubile degli opposti, dell'esistenza stessa e del suo significato, del pensiero come materia fisica, del "Reale".

IMG_20201105_143021.jpg
IMG_20201108_120532.jpg

La dimensione delle tue opere è abbastanza importante e stimola lo spettatore a sentirsi molto coinvolto. Come pensi che reagisca il pubblico al messaggio che suggeriscono i tuoi lavori? Credi che il coinvolgimento dello spettatore sia importante per comprendere i tuoi lavori? 

Penso che sia importante che lo spettatore sia sopraffatto, scioccato, assorbito e in un certo modo spostato ma attratto dalla presenza magnetica della scultura come oggetto estraneo, fuori dal quotidiano, e si interroghi su ciò che vede. Perché devi mettere in discussione ciò che vediamo e crediamo, dubitare della realtà. Dubitare di ciò che pensiamo sia la vera realtà. Le grandi teste parlano dell'immenso potere della nostra mente, non solo del conscio ma anche dell'inconscio, dell'incommensurabile capacità di creare della nostra psiche. La capacità creativa del nostro cervello, della nostra mente è infinita, incommensurabile, è il più grande abisso esistente. Lo spettatore è una parte essenziale della realtà della scultura stessa. È un elemento necessario all'interno del cerchio che chiamiamo: Arte.

 

 

Come vivi il rapporto con la critica e l'attuale mercato artistico?

 

Secondo me la critica è una parte essenziale dell'arte, la parola insieme all'immagine, in modo che lo spettatore riceva un contributo teorico sull'arte, ma credo che la vera fonte sia l'opera stessa e che su essa lo spettatore debba giudicare con la propria esperienza estetica individuale. Il mercato artistico è influenzato poiché l'intera società e tutti i settori sono influenzati dall'impatto globale che ha avuto la pandemia covid-19. Ho recentemente partecipato alla fiera d'arte MARTE a Castelló e la verità è che è stato un successo di afflusso ed energia positiva. La società ha bisogno dell'arte e l'arte ha bisogno della società, è un tutto indissolubile.

 

 

Cosa puoi dirci dei tuoi progetti per il futuro e delle tue prossime esposizioni?

 

Le mie esperienze più immediate sono state una mostra individuale alla galleria Thema di Valencia durante Abierto Valencia, una mostra collettiva al Museo di Arte Contemporanea Vilafamés, a Castelló, e la partecipazione alla fiera d'arte MARTE nella stessa città, al suo settimo bando. Stiamo organizzando un collettivo di scultura a Benicassim ma in queste circostanze i piani sono soggetti a rinvio, poiché tutto è alterato dalle restrizioni imposte dalla pandemia. Da parte mia, continuerò ad indagare i linguaggi della scultura: l'arte è un processo di ricerca inesauribile che continuerà ad esistere finché esisterà l'essere umano.

IMG_20201105_175401.jpg
IMG-20201109-WA0007.jpg