INTERVISTA A KASEY MCMAHON

GIUGNO 2020

Kasey McMahon

Kasey McMahon è un'artista multidisciplinare che esplora il rapporto che la tecnologia ha sul mondo. Nei suoi lavori utilizza materiali riciclati e non convenzionali per dare vita ai suoi lavori che spesso non coinvolgono solo oggetti ma interi ambienti.

La sua arte sempre in evoluzione riesce a sorprendere e i questa intervista ci svela qualche nuova idea per il futuro.
 

All images © courtesy of Kasey McMahon

SitoWeb: https://art.atypicalart.com/Home-

  • Instagram
  • Facebook

1/1

Come hai iniziato la tua carriera da artista?

 

Come per molte persone, il mio percorso creativo è stata una strada alquanto tortuosa. Ho sempre creato e studiato Storia dell'arte all'università, ma non avevo un modello solido o una comprensione di come potesse funzionare una carriera artistica. In seguito mi sono trasferita in una comunità di artisti a Los Angeles e quell'influenza e ispirazione mi hanno aperto gli occhi sulla possibilità di proseguire.

Ho semplicemente iniziato a creare, non solo pezzi ma anche trasformando ambienti. Ero elettrizzata dall'idea che vivere una vita creativa fosse possibile e che potesse sostenermi. È stata una bellissima sensazione - ho continuato ad andare avanti, cercando di spingere i limiti su cosa avrei potuto fare con idee e materiali. Sono molto grata per le opportunità di esibizione che avrò presto.

 

Nelle tue opere utilizzi materiali diversi, spesso riciclati, come li scegli? Sono i materiali che ti ispirano e suggeriscono l'idea per un nuovo lavoro o il processo è contrario?

 

Con la maggior parte delle opere, inizio volendo esprimere un'idea particolare. Inizio a lavorare prima dall'idea, quindi inizio a trovare o scegliere il materiale che meglio trasmetterà quel messaggio o pensiero.

Per quanto riguarda l'acquisizione fisica degli oggetti, per i pezzi riciclati di solito vado direttamente ai riciclatori tecnologici. Mi rende molto felice quando hanno le cose ben ordinate. Ma non è sempre così,  per cui la caccia al tesoro sembra essere spesso parte del processo. Ho costantemente gli occhi aperti per componenti dall'aspetto intrigante.

Di tanto in tanto trovo un materiale così nuovo o originale da suscitare un'idea da solo. Ma tende ad essere raro. È bello quando succede, però.

1/1

Quanto è importante il messaggio sull'impatto dell'uomo sull'ambiente nella tua arte?

 

È molto importante per me far luce su questo aspetto. È troppo facile dimenticare quanto i nostri rifiuti e le nostre azioni influenzino il mondo quando è fuori dalla nostra visuale. Sono estremamente interessata a creare esperienze e narrazioni visive che suscitino interesse e conversazioni sull'uso alternativo e la sostenibilità. Non voglio necessariamente alzare un dito morale, è più importante per me creare un'esperienza di meraviglia e piacere che può portare a cambiare prospettiva e riformulare un problema.

 

Come immagini l'ambiente perfetto per esporre le tue opere?

 

Sono attratta dai luoghi fuori dai sentieri battuti. Per la mia nuova esposizione, lo spazio ideale è quello che posso trasformare in un'installazione completamente immersiva, in cui l'ambiente stesso fa parte del lavoro, consentendo la capacità di giocare con tutti i sensi.

Adoro trasformare gli ambienti attraverso una combinazione di elementi visivi, suoni, odori e tatto. L'ambientazione ideale per me è uno spazio accessibile al pubblico con le redini libere per modificare l'interno e creare un'esperienza ultraterrena.

In una tua intervista hai affermato che l'arte è una ricerca da solista ma che l'importanza delle collaborazioni è considerevole. Ce n'è una che ritieni particolarmente importante nella tua carriera artistica?

 

Sì, credo che molta arte sia un'impresa solitaria. Almeno questa è stata la mia esperienza. Le idee hanno bisogno solo del tempo per percolare - stare fermi e concedersi tempo, spazio e silenzio sono una parte importante del processo. Mi piace pensare che molte idee non siano necessariamente nostre, ma siano alla ricerca di un luogo dove atterrare e mani pronte per dar loro vita. Sento che il mio lavoro migliore non è proprio il mio, ma semplicemente qualcosa che voleva essere espresso. C'è un tipo speciale di magia che deriva dal lasciare che la tua mente sia una sorta di contenitore aperto - combinando le tue abilità ed esperienza con l'ignoto e trasformandolo in realtà.

Detto questo, adoro anche le collaborazioni e credo che la combinazione di tempo da solista e produzione collaborativa sia una situazione ideale. Ho avuto grandi esperienze nella creazione di pezzi scultorei per film - il livello di precisione e dedizione degli equipaggi è costantemente stimolante e impressionante. Una delle mie collaborazioni preferite a lungo termine è stata una partnership artistica pluriennale indossabile chiamata Psycho Girlfriend. È stata un'esperienza ricca e dinamica; ho imparato e sono cresciuta immensamente attraverso di essa.

Trovo il progetto Psycho Girlfriend molto interessante. Puoi parlarci dell'idea e dello sviluppo di questo lavoro?

 

Grazie, Psycho Girlfriend è stato un momento incredibile di apprendimento e sperimentazione. La mia collaboratrice al progetto è una cara amica, Vanessa Bonet. Io e lei abbiamo iniziato a lavorare insieme su Psycho Girlfriend nei primi anni 2000 come un modo per esplorare i materiali e applicarli alla moda e all'arte da indossare. Ho adorato il processo e la collaborazione. Per entrambi il progetto ci ha davvero aperto a modi alternativi di vedere oggetti e materiali. Penso che gli anni di lavoro insieme e la libertà di applicare un senso visivo molto diverso alla forma umana abbiano davvero modellato il modo in cui mi avvicino al mio lavoro ora.

Hai in mente una collaborazione per il futuro che vorresti realizzare?

Sì, ne ho in mente una. Il mio partner è un regista e abbiamo parlato di lavorare in modo creativo insieme. Non sono sicura di come sarà, indipendentemente dal fatto che sarà più basato sul cinema o sull'arte, ma non vedo l'ora di unire le nostre visioni.

C'è qualche artista del passato a cui ti senti particolarmente vicina?

 

Sì. Il lavoro cumulativo di Louise Bourgeois. Era così espressiva e aveva una gamma incredibile insieme alla capacità di trasmettere sensazioni attraverso così tanti materiali diversi.

Inoltre, trovo molto interessante Alberto Giacometti. Il suo lavoro figurativo è stato di grande ispirazione per la nuova serie di bronzo a cui sto attualmente lavorando.

 

 

 

Qualcuno nel presente che ti piace seguire?

 

Sì. Attualmente, sono abbagliata e infinitamente ispirata dal lavoro di Neri Oxman. Adoro la sua prospettiva sull'arte e la natura;  come sta spingendo i confini e attraversando la biotecnologia e il design. Il suo uso di materiali e tecnologia è prezioso e una meravigliosa combinazione di possibilità. Profondo rispetto per chi lavora al limite come lei e la sua capacità di combinare in modo così elegante arte, scienza, ingegneria e design.

 

 

 

Come va il tuo lavoro in questo periodo di lockdown?

 

È un periodo surreale, come immagino sia per tutti. Prima della pandemia, avevo quasi completato una nuova serie di bronzi qui in Messico per una mostra chiamata La Luna. È stata posticipata e non vedo l'ora di creare l'ambiente immersivo al momento giusto.

Mentre ero in lockdown, ho dato gli ultimi ritocchi a quella serie, lavorando su una grande scultura commissionata prima della crisi e cercando anche di usare questo momento di tranquillità per concentrarmi su nuove idee. Come tutti, ci sono giorni in cui mi sento più concentrata di altri. Mi piace l'idea che questa occasione sia perfetta per creare e spingere i nostri confini artistici, ma sembra anche importante riconoscere che stiamo vivendo un periodo senza precedenti. Non esiste un manuale di istruzioni su come procedere: ci stiamo adattando in molti modi.

Con il lavoro, mi sembra giusto concedermi un po 'di tempo per elaborare l'enormità di ciò che saranno questi cambiamenti nei giorni a venire. In sostanza, ci viene chiesto di mettere in discussione tutto ciò che sappiamo. Il modo in cui abbiamo lavorato e vissuto è sostenibile? È così che vogliamo continuare a vivere? Cosa riteniamo necessario? Cosa apprezziamo veramente? È come se questa crisi ci avesse portato a un crocevia in cui abbiamo l'opportunità di scegliere e adattare un nuovo modo di vivere e una nuova prospettiva. Emozionante ma anche scoraggiante perché ci sono così tante incognite. Lasciare andare l'illusione del controllo non è un processo semplice!

Il mio lavoro si stava evolvendo lungo una strada più naturale e organica prima dell'inizio di questa crisi e tutto ciò ha definitivamente cementato tale evoluzione. Non vedo l'ora di vedere come andrà a finire, sia personalmente che collettivamente. Stiamo vivendo un momento enorme e un tempo di transizione nella storia. Che tutti possiamo attraversarlo con grazia e trovare la calma nel caos. Sperando in giorni più luminosi.

 

1/2

© MOCLA 2021
All Rights Reserved

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now