INTERVISTA A GUADALUPE PLAZA PETERSEN

MARZO  2022

Guadalupe Plaza Petersen

Guadalupe Plaza Petersen, è nata a Salta Argentina nel 1979. È un'artista visiva, i suoi mezzi artistici sono la fotografia, la video arte e l'installazione. Ha esposto in tutto il mondo in mostre in America Latina, Europa e Asia. 

Ha una Specializzazione in Arti Visive e una borsa di studio dell'Ambasciata Indonesiana, ISI SOLO University Hava Indonesia, 2011-2012.

Ha vissuto in Italia  dove ha tenuto laboratori di Arte Contemporanea.

Ha studiato teatro, comunicazioni sociali,  ha frequentato seminari di semiotica audiovisiva, laboratori di estetica fotografica con Guadalupe Miles ed Eduardo Gil; Video Art and Electronic Art Clinics con Carlos Trilnick e Jacobo Sucari, al CCEBA, Photography and Art Seminar, e New Media, con Andrea Elías, Art History Workshops in Italia. Seminari individuali con Gabriel Valansi e Fernando Farina. Ha partecipato alla Biennale di Fotografia Documentaria di Tucumán.

All images © courtesy of Guadalupe Plaza Petersen

Sito web: www.guadalupeplazapetersen.com

8.jpg

  

  Quando ti sei interessato alla fotografia? Cosa ti ha attratto all'inizio?

Si potrebbe dire che dopo una serie di fallimenti sistematici che erano radicati nell'idea di cosa dovrebbe essere, è stato un piccolo tuffo nel diritto, nella filosofia e nelle comunicazioni, che mi ha portato ad avvicinarmi e trovare la mia passione per l'arte e la fotografia. .

A casa si parlava sempre di arte e musica, io studiavo pianoforte e chitarra, l'intellettualità di mio padre e l'umanità e la sensibilità di mia madre sicuramente hanno aiutato in questo processo.

E fu così che mi immersi in quel mondo dal quale non potrei più allontanarmi da quel luogo di pienezza e godimento assoluto che implica lo scatto, la macchina fotografica e l'arrendersi al lavoro quotidiano della creazione, il riflesso che risveglia quel mondo interiore ed esteriore di bellezza e orrore, subito.

Mi sono ispirata ad artisti come Marina Abramovic, Louise Bourgeois, Cindy Sherman, Pipilotti Rist tra gli altri.

È così che mi sono formata tra l'Argentina e l'Italia e ho vinto una borsa di studio dall'ambasciata indonesiana per una specializzazione in fotografia lì sull'isola di Hava.

 

Fin dall'inizio il mio lavoro si è sviluppato su due assi: l'auto-referenziale e l'estetico. I miei temi ricorrenti ruotano attorno alla violenza e alle critiche sociali che definiscono la mia ricerca dell'estetica.

Dal mio viaggio in Asia, la mia idea di fotografia come arte è cambiata. mi sono sentita attratta da situazioni, culture, costumi e idiosincrasie, sempre con un senso di estremo. L'audacia è il mio modo di avvicinarmi alla fotografia.

Nella serie Registros y de(s)amor ho voluto sperimentare il fatto di essere fotografata, non solo essere dietro la macchina da presa e scattare, ma anche l'essere coinvolti come parte del lavoro, usando il corpo, come azione e linguaggio.

De(s)amor è stata una serie di fotografie, durata 7 anni, narrate in sequenze, della mia personale storia autobiografica e domestica di atemporalità delle dinamiche individuali, con un'impronta che va oltre il

documentario stesso. Esplora elementi dell'irreale, sognante e fantastico, con un forte senso estetico.

L'immagine è necessaria per pensare al reale, all'abituale e all'immaginario che sostengono il nostro mondo, il nostro desiderio e il nostro dolore.

 

 Il tema che affronti in Ritorno al Paradiso è oggi fondamentale tra artisti. Cosa ti ha spinto ad affrontarlo? Cosa vuoi comunicare?

 

"Return to Paradise", facendo un piccolo riferimento a questo periodo dell'Antropocene, è una serie che funziona come punto di incontro, per ripensare e superare questa separazione dell'umanità dall'ambiente, per farci riflettere sull'urgenza climatica, generare consapevolezza e responsabilità ambientale con il pianeta che ci contiene e che abitiamo.

E' la domanda: a che punto siamo in questo mondo simbiotico, vicino a questo futuro comune? Mi piace lavorare prima sulla base di un concetto o di un'idea. Nel processo di interazione tra il mio epicentro e la periferica, è vitale per la creazione della mia arte e per il suo rinnovamento. Riflettere sulla connessione tra pietre miliari come l'età adulta, la vita, la morte e il modo per ordinarle, scrutarle, generando un cambiamento, una mutazione, una rigenerazione, che a volte arriva involontariamente.

Citando Verónica García: Nell'esercizio quotidiano che fanno gli artisti, di riconoscere noi stessi in immagini che sorgono molte volte, non sappiamo proprio da dove, lì è sempre la possibilità di saltare. Arrendersi al vuoto. Dai tutto per qualcosa che non sappiamo nemmeno esista. 

Volevo sperimentare il fatto di non essere al centro come nelle altre mie serie, perdere la concentrazione, concentrarmi su qualcosa di diverso da me stesso, ed è stata una sfida, lavorare con il paesaggio senza cadere nel luogo comune, ottenere fuori di me, semplicemente stando dietro la macchina da presa e scattando senza essere coinvolti come parte del lavoro.

 

 Quanto influisce la post-produzione sulle tue fotografie?

Abbastanza, quasi completamente, c'è molto lavoro di post-produzione; nelle

immagini non aggiungo o tolgo mai, se modifico; penso che l'intersezione tra i mestieri e le arti sia ormai qualcosa di necessario e quotidiano per l'Arte Contemporanea.

1.jpg

Come scegli i luoghi da fotografare? Come funziona il processo creativo?

 Return to Paradise, sono immagini scattate tra il sud e il nord dell'Argentina, Islanda, e Norvegia, ho voluto ricreare gli scenari, gli ambienti, la verginità del paesaggio, la distruzione della natura, la demografia minacciosa, fondersi tra il fantastico o il quasi irreale.

Il mio processo creativo, penso, ha più a che fare con l'esplorazione e anche con l'auto-

conoscenza, fuggendo dal luogo della comodità, per creare da un certo abisso e vuoto.

È un'esplorazione personale con una certa fragilità e ambiguità intenzionale, che

parla del sentimento di abbandono, separazione, limiti, tempo e come lo stato

delle cose sta per esplodere.

Non è? Che cos'è?. La scienza classica insisteva sull'equilibrio, l'ordine e la stabilità.

Oggi vediamo fluttuazioni e instabilità ovunque. Abbiamo realizzato la complessità dell'universo.

Più esploriamo l'universo, più siamo costernati dalla narrazione

elemento che troviamo in tutti i suoi livelli. Anche la natura ci presenta delle narrazioni

incorporati l'uno nell'altro; storia cosmologica, storie a livello molecolare

scala, storia della vita e dell'uomo fino a giungere alla nostra storia individuale.

Senza smettere di chiederci quasi come un mantra, cos'è, cosa c'è dall'altra parte? la perdita, il dolore, il caos e il bisogno di evasione, da spettatore esseri umani con un immaginario, rivedendo le nostre vite e i nostri stati, e provando a farlo, connettersi in parallelo con quel mondo reale che sostiene, invita, incanta, esige, che allo stesso tempo è così incerto, insicuro e astratto.

 

 Dove pensi andrà la tua fotografia in futuro?

Si spera lontano, il solo fatto di poter dimostrare all'estero che c'è questa interazione con gli spazi artistici a livello internazionale è ciò a cui aspiro di più. L'idea e la comunicazione è un cardine nel mio lavoro, che genera domande e sentimenti.

E senza il sostegno incondizionato della mia famiglia, dei miei due figli e Alejandro, mio ​​marito, tutto ciò non sarebbe possibile.

Ed è su quel sentiero e in quel fondo o limite che le mie immagini aspirano e dove le forme iniziano a dissolvere.

Grazie

3.jpg
2.jpg
4.jpg

RETURN TO PARADISE

"Ritorno in Paradiso", fa un piccolo riferimento a questo periodo dell'Antropocene.

Questa serie funge da punto di incontro, per ripensare e superare questa separazione dell'umanità con l'ambiente, per farci riflettere sull'urgenza climatica, generare consapevolezza e responsabilità ambientale con il pianeta che ci contiene e in cui abitiamo.

E la domanda: a che punto siamo in questo mondo simbiotico, vicino a questo futuro comune?

Mi piace lavorare prima sulla base di un concetto o di un'idea. Nel processo di interazione tra il mio epicentro e la periferica è vitale per la creazione della mia arte e per il suo rinnovamento. Riflettere sul collegamento tra alcune tappe fondamentali come l'età adulta, la vita, la morte e il modo di ordinarle, scrutarle, generare un cambiamento, una mutazione, una rigenerazione, a volte viene fuori involontariamente.

Nell'esercizio quotidiano che fanno gli artisti, di farci riconoscere in immagini che sorgono tante volte, non sappiamo bene da dove, c'è sempre la possibilità di saltare. Per cedere al vuoto. Dare tutto per qualcosa che non sappiamo nemmeno se esista.

Volevo sperimentare il fatto di smettere di essere il centro come nelle altre mie serie, di sfocarmi, di concentrarmi, su qualcosa di diverso da me stessa, ed è stata una sfida, lavorare con il paesaggio senza cadere nel luogo comune, ottenere fuori di me, semplicemente essere dietro la macchina da presa e scattare senza essere coinvolta come parte del lavoro.

Ricreare le ambientazioni, gli ambienti, la verginità del paesaggio, la distruzione della natura, la demografia minacciosa, si fondono tra il fantastico o il quasi irreale.

Penso che abbia più a che fare con l'esplorazione, e anche con la conoscenza di sé, scappando dal luogo del comfort, per creare da un certo abisso e vuoto.

È un'esplorazione personale con una certa fragilità e ambiguità intenzionale, che parla del sentimento di impotenza, separazione, limiti, tempo e di come lo stato delle cose stia per scoppiare.

9.jpg
10.jpg

Cosa non è? Che cos'è? La scienza classica insisteva sull'equilibrio, l'ordine e la stabilità. Oggi vediamo fluttuazioni e instabilità ovunque. Siamo diventati consapevoli della complessità intrinseca dell'universo.

Più esploriamo l'universo, più siamo costernati dall'elemento narrativo che troviamo in tutti i suoi livelli.

La natura ci presenta anche narrazioni incorporate l'una nell'altra; storia cosmologica, storie su scala molecolare, storia della vita e dell'uomo fino ad arrivare alla nostra storia individuale.

Senza fermarci a chiederci quasi come un mantra Cos'è, cosa c'è dall'altra parte? perdita, dolore, caos e il bisogno di evasione, come esseri umani spettatori con un immaginario, rivedendo le nostre vite e i nostri stati, e cercando di connettersi in parallelo con questo mondo reale che sostiene, che invita, incanta, che esige, che il tempo è così incerto, insicuro e astratto. La vita nel suo insieme come un'unica entità cosmica.

Ed è in quel percorso e in quello sfondo o limite che le mie immagini aspirano e che le forme iniziano a dissolversi.

5.jpg
6.jpg