INTERVISTA CON ANGELA GLAJCAR

LUGLIO 2020

Angela Glajcar

Angela Glajcar è un'artista tedesca che realizza straordinarie installazioni utilizzando la carta. I suoi lavori variano per dimensione e realizzazione ma sono accumunate dalla ricerca costante di un dialogo con lo spazio circostante.

Recentemente ha esposto i suoi lavori con l'esposizione We are talking about the space between us all presso Galerie Martin Kudlek, Cologne ( DE).

In questa intervista svela interessanti progetti futuri insieme a qualche idea nata durante il lockdown.

All images © courtesy of Angela Glajcar

SitoWeb:http://www.glajcar.de

  • Facebook Icona sociale
  • Instagram

Come hai iniziato la tua carriera artistica? Come ti sei approcciata a questo tipo di arte?

 

 

Ho studiato scultura all'Accademia di Belle Arti di Norimberga (Germania) e durante questo periodo ho lavorato con diversi materiali come il legno o l'acciaio. Successivamente ho iniziato a utilizzare la carta come materiale per creare bozze per queste sculture in legno e acciaio. Quindi all'inizio la carta mi stava solo aiutando, ma ero così colpita dal suo aspetto che ho deciso di usarlo in modo più indipendente e questo è stato l'inizio delle mie sculture di carta.

Come procedi tecnicamente quando lavori sulle tue opere di carta?

 

La cosa meravigliosa della carta è che è possibile lavorare con essa in tutte le diverse dimensioni. Creo sia pezzi molto piccoli che monumentali e il processo tecnico è abbastanza contrastante. Piccoli pezzi crescono foglio per foglio - si sviluppano lentamente. Le installazioni monumentali sono più complicate. È una sfida molto interessante trovare il giusto equilibrio tra il materiale e la costruzione di supporto. Adoro la lotta per risolvere tutti i requisiti tecnici. Ciò significa che ci sono molte cose da fare e da pensare in anticipo e il più importante è il modello 3D. Questo piano virtuale mi aiuta a comprendere tutti i dettagli e a preparare l'installazione nelle sue parti.

Perché hai deciso di non usare il colore?

 

Il mio lavoro riguarda lo spazio e il colore è importante per me. Ma non lavoro con la vernice, provo a usare il colore più sublime usando i colori dell'ambiente circostante. Perché le superfici bianche, come la carta, riflettono facilmente la luce. Quindi la scultura ha una relazione reciproca con l'ambiente: luce, ombra e riflesso dei colori sono meravigliosi dialoghi nello spazio!

Anche in una tua interviste ho letto dell'importanza che ricopre lo spazio nei tuoi lavori. Puoi parlarci di questo aspetto?

 

Tutto riguarda lo spazio, interno ed esterno e il nostro comportamento nei suoi confronti. Analizzare il nostro modo intuitivo di muoverci nello spazio è molto eccitante per me. La scultura può raccontarci storie sullo spazio e questo è ciò che amo fare con il mio lavoro, in particolare con le installazioni site specific.

Esiste uno spazio su cui hai lavorato che ti ha colpito in modo particolare, che senti ti abbia trasmesso delle sensazioni più forti? Uno spazio in cui ti piacerebbe tornare ad esporre?

 

Oh sì, la scorsa settimana, per esempio, ho visitato di nuovo la Kunststation Sankt Peter a Colonia, la mia mostra è stata organizzata nel 2009. Camminando di nuovo attraverso la luce, mi sono sentita davvero elettrizzata e ho subito sognato una nuova installazione. Abbastanza spesso i luoghi che hanno un carattere molto forte e talvolta sembrano difficili sono i luoghi più toccanti. E mi piace ripensare ai luoghi di frequente, soprattutto se li conosco già e posso usare le mie esperienze.

La carica emotiva che le tue opere racchiudono e infondono nello spettatore è evidente. Quali sono le sensazioni che vuoi comunicare? Pensi che ci sia un messaggio comune tra le tue opere?

 

Tutti abbiamo un'enorme conoscenza dell'uso dello spazio, è il nostro sesto senso il presupposto per muoversi nello spazio. Principalmente non ci prestiamo attenzione, ma è un punto importante che include una struttura molto emotiva in noi stessi. Il mio lavoro consente l'accesso a questa sensazione interiore di spazio e, per me, è come essere sollevato e respirare facilmente.

 

In questo periodo è in corso l'esibizione We are talking about the space between us all presso la Galerie Martin Kudlek, Cologne ( DE), puoi parlarci del progetto dietro quest'idea?

 

Quando ho scelto il titolo della mostra, ho iniziato a lavorare di più sull'idea che la maggior parte delle volte condividiamo lo spazio con persone diverse. Per me è eccitante studiare il nostro comportamento spaziale comune. Come stanno cambiando le cose e come cambiamo il nostro punto di vista quando siamo soli o in comunità ... si apre un campo davvero vasto ... e questo sarà importante anche per progetti futuri.

Come pensi che la tua arte si evolverà in futuro? Hai qualche idea in mente che vorresti esplorare?

 

Durante il lockdown ho iniziato a lavorare su una nuova serie di pezzi su piccola scala. Sono molto solidi e in un certo senso potrebbero anche essere visti come modelli per installazioni monumentali. Sostengono l'idea di cambiare il punto di vista soprattutto in momenti in cui tutti dovevamo restare a casa.

Sono entusiasta dell'idea che un cambiamento di prospettiva possa anche avvenire semplicemente nella nostra immaginazione. Immaginiamo di essere molto piccoli ... di nuovo possiamo sperimentare lo spazio in modo diverso e questo ci fa muovere.

 

© MOCLA 2021
All Rights Reserved

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now