INTERVISTA A GARRET KANE

MARZO 2020

Garret Kane è un artista con sede a Brooklyn (NY), che utilizza mix di media per realizzare le sue sculture che sviluppano il concetto del Neo-Nauralismo,che immagina una crescita della "natura di base" mediante la tecnologia umana.

Dopo la laurea ha lavorato per alcuni anni come direttore artistico pubblicitario, ma con l'obiettivo di conoscere le tecniche di scultura tradizionali e 3D per dedicarsi alla scultura a tempo pieno al più presto. L'obiettivo è stato raggiunto presto e oggi è uno tra artisti emergenti più apprezzati.

All images © courtesy of Garret Kane

Sito web: http://garretkane.com

IG: garretkaneart

  • Facebook
  • Instagram

Nella tua biografia ho letto che hai cominciato a lavorare come direttore artistico pubblicitario  ma che allo stesso tempo cercavi di imparare quanto più possibile sulle tecniche della scultura. La consapevolezza di voler trasformare la tua carriera e di dedicarti pienamente alla carriera di artista è nata in quegli anni o era un percorso che avevi in mente già prima?

Ho sempre realizzato arte, disegni e sculture in particolare, da quando posso ricordare. Si trattava di risparmiare abbastanza denaro per passare a fare il freelance a tempo pieno. Risposta così breve: sì, era sempre il piano per provare a farlo da artista.

 

So che devolvi il 10% del suo lavoro ad attività di volontariato ambientale, mostrando una partecipazione attiva nei confronti dei problemi dell'ambiente. Credi che l'arte debba essere parte integrante e attiva nei problemi della comunità?

 

O fai qualcosa e provi retroattivamente ad attaccarlo al significato, o fai qualcosa con l'obiettivo di richiamare l'attenzione su un problema. Ci sono molte ragioni per questo tipo di pensiero nell'arte contemporanea, ma senza entrare nel "perché" penso che entrambi i modi siano in qualche modo inefficaci. Soprattutto per artisti emergenti come me che non ricevono l'esposizione di show e grandi folle. Se puoi donare fisicamente a una causa, almeno stai facendo qualcosa di tangibile per aiutare invece di fare solo dichiarazioni contorte o esoteriche su questioni che ritieni importanti. Per essere chiari, non c'è niente di sbagliato in entrambi, infatti sono entrambe cose positive, preferisco solo la prima.

La tua tecnica presuppone un'ampia gamma di mezzi e materiali per esprimere il tuo lavoro ma come hai deciso di scegliere la scultura come tecnica artistica?

Mi sembra che tutto ciò che dica suoni controverso, ma questa è solo la mia opinione. Fondamentalmente ho visto la pittura come una scultura che limitava i materiali. Ho preferito mettermi alla prova per provare tutto quello che c'è nello spettro del mondo, dal materiale organico, all'argilla, al 3D, per creare opere che mostrino l'unificazione di tutta la materia. Ho sempre preferito la scultura, astratta o figurativa, come mezzo per farlo. Mi ha sempre colpito emotivamente molto più di altre forme d'arte. Detto questo, sono profondamente interessato anche ai media basati sul tempo.

Sembra molto interessante, di cosa si tratterebbe?

Il mio obiettivo finale come artista sarebbe quello di incorporare l'animazione 3D diventando come il burattinaio delle mie sculture fisiche per creare una narrativa interattiva e mista.

 

Sculture come Biophilia o Season fanno pensare ad un contesto immerso nella natura, eppure vedo l'istallazione di Mimicri a NY è vedo quanto la natura e la tecnologia si fondino. Hai pensato ad un contesto in cui inserire le tue opere che rappresentano queste figure semidivine?

Recentemente sto trascorrendo la maggior parte del tempo a realizzare lavori su scala ridotta, cercando di affinare il mio mestiere, la mia comprensione dei materiali, il mio processo. Quindi, ultimamente, non ho considerato troppo il posizionamento. Ma ciò che spero, in generale, sarebbero commissioni di installazioni su larga scala: indoor, outdoor, RFP, lobby, ecc., In luoghi pertinenti e adatti al lavoro. Forse SpaceX o una struttura CRISPR è alla ricerca di opere d'arte nella hall.

Sembra che il contrasto sia alla base delle tue sculture: a partire dall'ispirazione dalle culture di Grecia, Roma, Bisanzio e le Americhe che si fondono con elementi di anime e fantascienza; i materiali organici che si mescolano a elementi tecnologici. Eppure dal contrasto nasce un forte senso di armonia che le tue opere trasmettono. Come riesci a creare questo risultato?

 

Penso che l'arte concettuale possa essere meravigliosa, ma a mio parere, le idee si traducono con più potere se c'è artigianato e considerazione anche nella forma, nel colore e nel materiale complessivi. Trascorro molto del mio tempo a considerare come materiali diversi possono fondersi insieme e in quali modi. Ancora na volta, sia il concept che il prodotto reale dovrebbero essere forti, specialmente per un artista emergente.

 

Mi sembra anche di interesse la scelta stessa dei singoli elementi che creano le opere. Come scegli i materiali da utilizzare?

Tutto è iniziato con il materiale organico: ho trovato legno, radici, muschio (natura di base) in cui volevo integrare il 3D. Vedo gli ambienti 3D come la nostra realizzazione più attenta di ricreare la realtà. Quindi unendo i due attraverso la stampa 3D dimostriamo questo tipo di viaggio che inizia con la natura, poi si sposta attraverso l'obiettivo della tecnologia umana e nella nuova natura che sta iniziando a creare. Sono anche fortemente interessato ai materiali scultorei tradizionali e contemporanei per le loro qualità belle e classiche, quindi ne incorporo anche molti. Il problema che tendo ad avere è nel limitarmi.

 

 

C'è un artista del passato a cui ti senti particolarmente vicino per ideologia o mezzo di espressione?

 

Sono stato ispirato da così tanti artisti. Penso che molti artisti estraggano pezzi da ogni parte, specialmente nell'era post internet. Siamo una sorta di fusione di tutto ciò che ci sta davanti in un modo che non possiamo controllare. Ma per nominare alcuni artisti defunti specifici che adoro: Giacometti, Umberto Boccioni, Dalì, Kandinsky, Hilda Klimt. Sinceramente ci sono così tanti che mi sto congelando il cervello, e ci sono anche così tanti artisti viventi incredibili!

Parto da questa affermazione che si trova nel tuo statement: "Racconto la storia dell'obiettivo finale dell'umanità: dare al nostro ambiente  l'aggiornamento  necessario.Quale credi possa essere effettivamente nel futuro?

 

Con la combinazione di tecnologie come Nano, Artificial General Intelligence e CRISPR stiamo ottenendo tutti gli strumenti di cui abbiamo bisogno per riprogettare completamente non solo noi stessi ma tutta la natura per essere immortali e infiniti. Sta raggiungendo questo stato divino che vedo come il destino ultimo delle discipline umanistiche.

© MOCLA 2021
All Rights Reserved

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now